La crava mangia ij more

Un concerto dedicato ai Canti Popolari Piemontesi della tradizione
rielaborati e reinterpretati dall’

Ensemble Leone Sinigaglia


Paola Lombardo: voce
Trio chitarristico Vivaldi (Mario Cosco , Enrico Negro, Ignazio Viola): chitarre
Elaborazioni musicali di
Carmelo Lacertosa, Marco Buccolo ed Enrico Negro

Il progetto nasce dall’idea del Trio Vivaldi di dedicare al vasto repertorio delle ballate della tradizione popolare piemontese un omaggio che fosse sincero e inconsueto.

Così, se come  punto di partenza per la scelta dei brani  ci si è affidati alle storiche raccolte di musicologi e ricercatori quali Leone Sinigaglia ma anche  Costantino Nigra, Giuseppe  Ferraro, Alfredo Nicola, il Trio ha collocato questo recupero di un patrimonio culturale localizzato nell’area etnico-linguistico piemontese all’interno del proprio personale solco musicale,  da anni attento a dare spazio, all’interno del repertorio proposto, alle istanze della musica novecentesca e contemporanea.

Due giovani compositori, Carmelo Lacertosa e Marco Buccolo, hanno curato le elaborazioni musicali dei canti riattualizzandone in chiave moderna e “colta” la veste musicale, senza volerne snaturare il carattere antico ed evocativo.

La voce Paole Lombardo dialoga e si fonde con l’intricato intreccio delle diciotto corde delTrio ricreando, nella spontaneità della dimensione acustica,  la magia di quella lirica antica, ancestrale, da sempre trasmessa oralmente e cantata.

Da questo progetto è nato il cd La crava mangia ij more, (Folkclub – Ethnosuoni 2008).